Contattaci per un preventivo Gratuito +39 327 052 9600 o per email nicoamato@gmail.com
Contattaci per un preventivo Gratuito +39 327 052 9600 o per email nicoamato@gmail.com

Il nuovo millennio potrebbe essere chiamato il millennio dei servizi terzializzati o per meglio dire ceduti a terzi.

L’albergatore, nella continua e spasmodica ricerca dell’abbassamento dei costi, ha iniziato noleggiando le lenzuola da aziende esterne, così come le attrezzature, ha utilizzato le aziende di lavoro interinale, ha sostituito i concierge con totem ripieni di depliant, e ora paga le aziende di pulizia per curare le stanze.

Una ricerca esasperata di abbassare le spese per concorrere con i sempre più agguerriti B&B e etc. , una lotta contro i mulini a vento che ha solo portato alla decimazione degli hotel.

Nulla di guadagnato.. e ora?

Ora che la qualità è qualcosa di percepito, ora che si parla di Brand Reputation, di Mission, di Core Business, ora che l’utente può giudicare apertamente, e che il mondo dei social sta portando la pubblicità su altri livelli… Ora il prezzo ha meno importanza…

Non fraintermi, non ti sto dicendo che puoi liberamente scegliere quanto fare pagare al tuo ospite. Ti sto dicendo che adesso il prezzo puoi giustificarlo, puoi alzare gli standard fino a raggiungere la fascia di prezzo che intendi applicare alla tua struttura. Perchè quello che darai, sarà riconosciuto.

Le recensioni dei clienti, sono cambiate, il cliente è generalmente più attento e, ormai esistono poche strutture veramente disagiate, nel mercato c’è uno standard ben definito di una camera di hotel, gli spazi e i servizi, sono generalmente appiattiti e tutti uguali.

Un cliente che prenota un hotel nella fascia di prezzo 50/70€ per notte, sa che troverà una stanza abbastanza spaziosa, che non avrà la vista migliore, ma che sarà ordinata, pulita, con un minifrigo, la cortesia in bagno, e le attrezzature con un buon rapporto qualità prezzo. Non pretende le lenzuola di raso, la piscina, i decori in oro zecchino, bensì cerca la vicinanza ai servizi pubblici, la presenza di un parcheggio (anche a pagamento) e una persona al ricevimento che sappia le lingue.

Abbiamo definito la stanza minima:

  • 15mq, bagno compreso
  • Letto matrimoniale lungo almeno 2mt. (due singoli per ottimizzare la produttività, ndr.)
  • un armadio anche a giorno, la giacenza media si è abbassata
  • un paio di comodini che possono essere ridotti a delle mensole
  • prese elettriche sparse per la stanza
  • la camera rifatta ogni giorno

 

Oggi vorrei soffermarmi sull’ultimo punto. Sono stato ospite di strutture dove c’erano cartellini per richiedere il cambio di lenzuola. Un ovvia soluzione visto che le aziende di pulizia conteggiano il numero di camere e non gli ospiti.

Ma dove è finita la vecchia Governante di una volta??? Quella donna dai super poteri che in 20 minuti sistemava la stanza, cambiava le lenzuola, controllava il frigo e la cortesia, cambiava le spugne in bagno e contemporaneamente puliva la stanza? E che a volte, ti piegava i vestiti lasciati in giro.

E’ ovvio che in un B&B o in una casa vacanze, avere una Governante sia troppo, ma come consiglio ai miei clienti, un buon modo per dare qualità è trovare una persona “multiuso”, qualcuno che si occupi delle stanze, dia una mano a colazione e possa essere un punto di riferimento nella struttura.

La terzializzazione dei servizi, lasciamola a coloro che intendono standardizzare il servizio e uniformarlo, lasciamolo alle grandi catene alberghiere che puntano alla quantità e non alla qualità.  housekeeper jet-set-hotel-housekeeping housekeeping-848x400

Leave a Reply